Fiat 128 Laudoracing modelli in scala 1 a 18

Fiat 128 Modellini

Salva

L’ultima tendenza in fatto di riproduzioni in miniatura vede in cima alle preferenze dei collezionisti di modellini di auto la scala 1/18. Fra le aziende che si sono specializzate in questi modelli, realizzati in resina, c’è la Laudoracing-Models, che conta in catalogo le riproduzioni della Fiat 128 coupé nella versione SL 1300, da scegliere fra i colori rosso arancio, giallo Positano, bianco e blu Francia, e nella versione S 1100, riprodotta unicamente in blu Francia. I modelli della Laudoracing-Models, che ha in programma per il futuro di replicare in 1/18 anche la 128 3P, la berlina e la Rally, sono solo gli ultimi che si aggiungono ad una corposa produzione, che ha come tema la Fiat 128 e che prende avvio all’inizio degli anni ’70 del secolo scorso, quasi in contemporanea con la produzione della vettura vera.

Salva

Fiat 128 Mebetoys (pagina del catalogo)

Fiat 128 Mercury

La scala più diffusa, ovvero la 1/43, vede già all’epoca le riproduzioni in metallo della 128 berlina da parte della Mercury e della Mebetoys. La prima oltre a replicare la berlina a 4 porte ha in catalogo anche la berlina 2 porte, la Rally, la Special a 4 porte e le versioni di Polizia, Carabinieri e Vigili del Fuoco. Dal canto suo invece la Mebetoys riproduce la berlina 2 porte, la Rally, la rara seconda serie uscita come modello promozionale Fiat e le versioni Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Vigili Urbani e Taxi.

Fiat 128 IAVA Buby
Fiat 128 Rio

Un cenno particolare lo merita il modellino della 128 berlina 4 porte prodotto dall’argentina Buby nelle versioni normale, IAVA 1100 TV e Turismo Nacional da corsa. In tempi più recenti la 128 berlina a 2 e 4 porte e la Rally sono state riprodotte in die-cast dalla Rio, anche nelle versioni di Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Croce Rossa, Guardia di Finanza e Taxi, nonchè in diverse livree “racing”. La 128 berlina può contare anche sulle riproduzioni della francese Norev, con 2 porte e Rally, e della Grani & Partners, con la 4 porte in versione Carabinieri e Polizia, modelli tutti facenti parte di collezioni destinate alla vendita in edicola.

Salva

Zastava 1100 Ist
Fiat Nuova 128 Neo

Sempre in collezioni da edicola sono apparse, ad opera della cinese Ixo con il marchio Ist, le jugoslave Zastava 101 e Nuova 128 CL, mentre la stessa vettura, ma in versione italiana e argentina, è stata riprodotta in resina dall’olandese Neo.

Salva

Salva

Salva

Fiat 128 Rally Arena Models

Passando ai modelli artigianali sono da citare le 128 berlina da corsa di Carrara Models e soprattutto le innumerevoli versioni da competizione riprodotte da Arena Models, che spaziano dalla berlina alla Rally nelle configurazioni velocità e rally.

Salva

Fiat 128 coupé Mercury
Fiat 128 coupé Mebetoys 1-43
Fiat 128 coupé Kess Models
Fiat 128 coupé gruppo 2 Tron Models

Anche le 128 Sport coupé possono contare su un discreto numero di riproduzioni in scala 1/43: si parte dalle 128 SL della Mercury e della Mebetoys dell’epoca per arrivare al recente modello in resina della Kess Models, passando attraverso le versioni da gara, riprodotte sempre in resina, della Tron Models, e un raro kit di montaggio in metallo bianco uscito all’epoca dell’inglese Mikansue.

Salva

Seat 128 3P Mira
Seat 128 3P Ixo-Altaya
Fiat 128 3P Sport Norev

La 128 3P invece è stata riprodotta in die-cast dalla spagnola Mira, con il marchio Seat, e in tempi più recenti, sulla spinta delle collezioni da edicola, da Ixo e Norev.

Se la scala 1/43 fa la parte del leone non sono da dimenticare le altre scale, a partire dalla 1/87, tipica del fermodellismo, ovvero i classici trenini elettrici, in cui esiste una riproduzione della 128 berlina ad opera della ceca VV Model.

In scala 1/66 si ricordano le 128 berline della Buby nella serie Mini Buby, della Polistil nella celebre serie RJ e la Seat 128 3P della Mira.

Salendo di dimensione si trovano i modelli in latta e a frizione della tedesca CKO, in scala 1/35, e dell’argentina Cocco, scala 1/33. Ugualmente proveniente dall’Argentina ed in scala 1/33 è il modello della Ma-Ci, realizzato però in plastica.

Salva

Fiat 128 Rally Safari Politoys 1-25
Fiat 128 coupé Mebetoys 1-25
Fiat 128 Leo Models 1-24

In scala 1/25, molto in voga in Italia a partire dagli anni ’70, sono da ricordare due modelli fondamentali per la storia del die-cast, e cioè la 128 Rally della Politoys/Polistil, nelle versioni stradale e Safari, e la 128 Sport coupé della Mebetoys, nelle versioni stradale e rally. La 128 Sport coupé in scala 1/25 è stata riprodotta in resina in diverse livree “racing” dalla Laudoracing-Models, prima di dedicarsi alle 1/18, mentre la 128 berlina a 4 porte è stata riprodotta in die-cast in scala 1/24 dalla Leo Models, nell’ambito delle collezioni da edicola Quattroruote Collection e Auto Vintage.

Salva

La palma del modello di 128 più grande e dettagliato va alla riproduzione in plastica della Pocher, in scala 1/13, che riprende la 128 berlina prima serie a 4 porte. Il modello, uscito negli anni ’70, poteva contare sullo sterzo funzionante ed era mosso da una alimentazione a batterie. Nel corso degli anni la Pocher produsse anche la 128 seconda serie, oggi rarissima, e delle versioni semplificate senza sterzo e senza il vano batterie, compresa una versione da corsa con adesivi e ruote larghe.

Salva

Fiat 128 Pocher 1-13
Gioco Raid Fiat 128 EG

Non è un modello vero e proprio ma si deve ricordare anche il gioco da tavolo Raid Fiat 128, pubblicato nel 1969 dalla Editrice Giochi di Milano in quattro lingue, italiano, francese, inglese e tedesco. Si tratta di un adattamento del classico gioco dell’oca dove i giocatori, che usano come pedine quattro minuscole Fiat 128 di colore diverso, devono procedere facendo i conti con la situazione atmosferica, le regole della strada ed addirittura le marce della vettura, incorrendo in varie penalità. L’obiettivo del gioco è di completare il percorso per primi totalizzando il minor numero di penalità.

Salva

Infine la Fiat 128 è stata anche presa a soggetto in moltissime carte dei mazzi da Quartetto, un gioco molto diffuso in Germania a partire dagli anni ’70 e successivamente esportato anche ad altri paesi fra cui l’Italia.

Salva

Salva

Salva